News

Primavera: pareggio con l’Inter. Biancazzurri agli ottavi della “Viareggio Cup”

Inter – SPAL 1-1

Inter: Di Gregorio, Cagnano (dal 58′ Bollini), Gravillon (dal 80′ Rivas), Bakayoko (dal 68′ Butic), Emmers (dal 68′ Rover), Danso, Belkheir (dal 58′ Valietti), Awua, Souare, Capone (dal 58′ Sala), Mattioli (dal 46′ Lombardoni). All. Vecchi

SPAL: Thiam, Equizi, Ferrari, Granziera, Strefezza (dal 68′ Cantelli), Di Pardo, Artioli (dal 55′ Boccafoglia), Maranzino (dal 55′ Greselin), Di Nardo (dal 77′ Righetti), Dellino (dal 55′ Ubaldi), Picozzi. All. R.Rossi

Arbitro: Sig. Catastini sez. di Pisa

Marcatori: 49′ Strefezza (S), 85′ Butic (I)

Ammoniti: Awua (I), Granziera (S), Boccafoglia (S), Di Gregorio (I).

Espulso Di Pardo (S).

 

La Primavera SPAL si qualifica agli ottavi di finale della “Viareggio Cup” dopo il pareggio 1-1 contro l’Inter nel terzo turno del girone eliminatorio. In vantaggio con una rete di Strefezza ad inizio ripresa, i biancazzurri vengono raggiunti nel finale e si qualificano tra le migliori seconde del torneo.

È proprio l’Inter a concludere il girone 4 al primo posto, grazie alla miglior differenza reti sulla formazione di mister Rossi.

Al centro sportivo “Ferdeghini” di La Spezia SPAL e Inter si affrontano per la testa della classifica nel girone 4. Entrambe le rose presentano le formazioni migliori per cercare di non correre pericoli e passare il turno.

È subito Equizi ad impensierire i nerazzurri con una girata che sfiora il palo su corner di Strefezza. Nel primo tempo è l’Inter a rendersi piú pericolosa con le conclusioni di Souare e Bakayoko che Thiam respinge senza affanni. Il portiere senegalese compie una grande parata alla mezz’ora mandando in corner la punizione di Emmers. SPAL che comunque macina gioco con le geometrie di Maranzino e punge con Dellino e Artioli.

In avvio di secondo tempo la SPAL trova il vantaggio con Strefezza il cui esterno destro si infila sotto l’incrocio, dopo un contrasto con un avversario. L’Inter si butta alla ricerca del pareggio,  ma sono i biancazzurri in contropiede a rischiare il raddoppio.
Prima Di Nardo s’invola verso la porta, e solo un miracolo di Di Gregorio evita la gioia del gol per l’attaccante napoletano; successivamente Cantelli, servito dal numero 23, colpisce male e agevola l’intervento dell’estremo difensore nerazzurro.

L’ultimo quarto di partita la SPAL rimane in dieci uomini complice l’espulsione di Di Pardo, così la formazione di Vecchi agguanta il pareggio a pochi minuti dal termine, grazie ad un colpo di testa di Butic.