Ritorna la Rubrica “Spallini nel Mondo”, ovvero chi ha il cuore spallino ma risiede lontano da Ferrara, senza la possibilità di seguire abitualmente la squadra allo Stadio “Mazza”.
In questa nuova puntata della nostra Rubrica, sarà protagonista Michele Concato che ha scritto un bel messaggio da Bogotà in Colombia dove risiede dal 1994 per lavoro, nonché inviato una suggestiva foto in cui posa accanto alla statua di Simon Bolivar, padre della patria.
Michele ha inviato il messaggio subito dopo aver seguito l’ultimo incontro della S.P.A.L. in campionato contro la Sampdoria, gara nella quale i biancazzurri hanno trovato la vittoria per 3-1 ottenendo la permanenza in Serie A.
“Oggi è un giorno merAviglioso: grAzie al lAvoro e all’impegno dellA squadrA ci siAmo meritAti unA stupendA permAnenzA in Serie A. Mi Avete dAto unA gioiA enorme. Sono lontAno per lAvoro dAl 1994. Ho preso tAnto freddo, pioggiA e purtroppo bAtoste dellA nostrA squAdrA del cuore quando ero rAgAzzo.
GioiAmo e ringrAziAmo la SocietA’, il mister Semplici e tutti i giocAtori per il loro lAvoro e sforzo eccellenti. Vi AbbrAccio dAlle Ande, A 2.650 m. sul livello del mAre. Anzi oggi A 2.650 m. piu’ vicini Alle stelle! BrAvi, congrAtulAzioni! Se si crede e si lAvorA, tutto e’ possibile.
P.S. Vi Allego unA miA foto con Simon BolivAr in biAncAzzurro, dallA piAzzA di UsAquen. Lui e’ il PAdre dellA PAtriA colombiana. Volevo metterglielA in unA occAsione speciAle, come se fosse il SAvonArolA. Anche lui come il nostro ne hA pAssAte di tutti i colori. Ci vediAmo A FrArA Ad Agosto: devo portArmi qui lA mAgliA per lA prossimA stAgione! Vi voglio bene”.