Mantova-Spal: 1-2

Mantova: Albertoni, Scalise, Foglio, Puccio, Gavazzi, Lombardo, Gonzi, Di Santantonio, Momentè (dal 54′ Ruopolo) Zammarini, Ungaro (dal 71′ Raggio Garibaldi). All. Javorcic

Spal: Contini, Silvestri, Ceccaroni, Giani, Bellemo, Posocco, Spighi, Zigoni (dal 105′ Cellini) Capezzani (dal 87′ Di Quinzio) Ferri (dal 101′ Mora). All. Semplici

Spettatori: 300 circa
Arbitro: Sig. D’Apice di Arezzo
Ammoniti: Ceccaroni, Puccio, Spighi, Lombardo, Cellini
Espulso: Silvestri
Marcatori: 25’ Zigoni, 32’ Gonzi, 92’ (t.s.) Ferri

Spalti semideserti al Martelli di Mantova e squadre infoltite di riserve, Mantova e Spal danno vita a una partita vivace, giocata a viso aperto.
I biancazzurri sfruttano le buoni doti tecniche e la voglia di far bene dei propri esterni, provando a incidere sin dall’inizio.
Al 5’ Beghetto si affida al suo insidioso sinistro mettendo in area un pallone pericoloso, respinto a fatica da Albertoni. Pochi minuti più tardi è Spighi a provarci dalla corsia opposta, ma la difesa del Mantova sbriglia il pericolo.
Nel momento in cui i padroni di casa sembrano prendere la padronanza del gioco è la Spal a colpire. Il “Cobra” Zigoni, mantenendo fede al soprannome è bravissimo ad arrivare per primo su un cross al bacio di Posocco dalla destra, freddando Albertoni.
Il vantaggio dura solo pochi minuti. Ci vuole un capolavoro balistico di Gonzi per superare Contini di testa da centro area e regalare il pareggio al Mantova.
La manovra della Spal si concentra prevalentemente sulla corsia mancina dove Beghetto trova spessissimo l’occasione di arrivare al cross, ma fino alla chiusura di tempo non ci sono altri pericoli seri dalle due parti.
La ripresa, limitatamente all’avvio, è avara di emozioni, malgrado l’ingresso dell’esperto Ruopolo nelle file biancorosse.
Bisogna aspettare il 66’ per avere una chiara occasione da gol. Zigoni si presenta a tu per tu con Albertoni, ma l’ex riesce a chiudere la porta al centravanti, salvando il Mantova.
A 4’ minuti dal termine l’occasionissima per evitare i supplementari: Ferri è atterrato in area e il direttore di gara assegna il penalty.
Dal dischetto Zigoni si fa ipnotizzare ancora da Albertoni che respinge il tiro.
Ma non è l’ultima emozione dei tempi regolamentari. La Spal ci crede e ci prova ancora due volte, prima con Beghetto da distanza siderale, mettendo in difficoltà l’estremo difensore di casa, poi, nel recupero, Posocco coglie una clamorosa trasferta a portiere battuto.
Il gol arriva nei primi minuti dei supplementari. Merito ancora di Posocco che serve un ottimo assist a Ferri che non perdona, bissando la gioia personale di sabato scorso.
Partita finita? Neanche per sogno. All’8 Silvestri viene espulso per fallo da ultimo uomo in area e rigore a favore del Mantova. Stavolta è Contini a esaltarsi su tiro di Dalla Bona.
Il vice di Branduani si supera anche pochi secondi prima del triplice fischio, annullando il tiro angolato di Zammarini.
A passare il turno è quindi la Spal che se la vedrà con la Reggiana.