Maceratese: Cantarini, Raucci, Rizzo, Cody, Massei (59′ Cittadoni), Danese, Paolucci (75′ Di Stefano), Midoi, Calamita, Sadotti (59′ Quadrini), Balistrieri. All. Ciarlantini.

Spal: Bolognesi, Rigon, Ambrosini, Miotto, Curci, Sorrentino, Greggio (65′ Calzolari), Dalla Vedova (85′ Boccafoglia), Rosetti, Bevilacqua, Bulevardi. All. Varricchio

Ammoniti: Miotto, Dalla Vedova, Danese, Midoi

Marcatore: 11′ Rosetti

La Berretti “vendica” la prima squadra andando a vincere contro la Maceratese all’Helvia Recina dove erano caduti 7 giorni fa Cottafava e compagni.

I giovani biancazzurri la sbloccano dopo 11 minuti e gran parte del merito va a Rigon che sulla destra si beve tre avversari e serve un pallone d’oro a Rosetti. Il centravanti non si fa pregare e porta in vantaggio i suoi.

La Spal avrebbe diverse occasioni per raddoppiare con Bulevardi, Curci di testa e ancora Rosetti, ma gli estensi non riescono a trovare il colpo del definitivo ko.

Di contro la Maceratese, in particolare nella ripresa, la butta sull’agonismo aggiungendo più di una provocazione di troppo. L’arbitro ha il suo bel da fare per tenere sotto controllo la gara.

Il finale è da brivido, con la Spal che rischia di ripetere la delusione di Pordenone. Stavolta è bravissimo, in pieno recupero, Bolognesi a salvare il risultato sull’ultimo assalto dei marchigiani.