SPAL-Cagliari 0-2

Marcatori: 16′ pt Barella, 23′ st Joao Pedro

SPAL: Gomis, Vaisanen (35′ st Bonazzoli), Mora, Salamon, Borriello, Vicari, Schiattarella, Lazzari, Costa (35′ st Mattiello), Paloschi (17′ st Antenucci), Viviani. A disp.: Poluzzi, Marchegiani, Cremonesi, Bellemo, Konate, Schiavon, Vitale, Felipe, Grassi. All.: Semplici

Cagliari: Cragno, Cigarini (40′ st Faragó), Joao Pedro (45′ st Romagna), Barella, Pisacane, Padoin, Ionita, Ceppitelli, Capuano, Sau (20′ st Farias), Pavoletti. A disp.: Crosta, Daga, Andreolli, Dessena, Cossu, Giannetti, Miangue, Daiola. All.: Rastelli

Arbitro: Abbattista di Molfetta
Assistenti: Di Liberatore di Teramo e Bottegoni di Terni
Quarto uomo: Pinzani di Empoli
VAR/AVAR: Doveri/Gavillucci

Note: spettatori 11 circa; ammoniti Joao Pedro, Capuano, Barella, Romagna

 

Prima sconfitta casalinga.

La SPAL cade al “Mazza” di fronte ad un Cagliari cinico e ordinato che ha sfruttato al meglio le occasioni costruite nel corso della gara.
Prima parte del tempo equilibrato, con SPAL che pressa i portatori di palla a centrocampo.
Il Cagliari è pericoloso in avvio, poi al quarto d’ora mischia in area biancazzurra con conclusione vincente di Barella alle spalle di Gomis nonostante diversi giocatori appostati davanti alla linea di porta.
La SPAL reagisce subito sotto il profilo della quantità e qualità di gioco, ma senza trovare grandi sbocchi nella chiusa difesa cagliaritana.
Nel finale, prima Lazzari, poi Mora da destra e sinistra non trovano il corridoio ideale per servire le punte.
Inizio di secondo tempo con aggressione biancazzurra: tiro crossa di Lazzari verso la traversa e conclusione di Paloschi in area murata dalla difesa rossoblu.
A metà tempo, girata di Pavoletti ad un soffio dal palo desto di Gomis.
Preludio al raddoppio che arriva un minuto dopo con una gran staffilata di Joao Pedro sotto l’incrocio dei pali.
Alla mezz’ora, doppia opportunità Cagliari: Farias impegna Gomis con una conclusione dal limite, poi calcia alto davanti all’area piccola.
Poco dopo Borriello impegna Cragno su calcio di punizione: tuffo a salvare l’angolo basso alla sua sinistra.
Bonazzoli nel finale servito in profondità calcia centrale appena dentro l’area.
Negli ultimi minuti, prima Gomis sventa su Joao Pedro, mentre dall’altra parte Cragno interviene con un colpo di reni su tiro deviato di Viviani.

E nonostante la sconfitta, tutti a ringraziare il pubblico, sempre vicino ai biancazzurri durante tutta la gara.