PISA-SPAL 0-1

Marcatore: 39′ st Arini

Pisa: Cardelli, Avogadri, Lisuzzo, Di Tacchio (44′ st Sanseverino), Mannini, Verna, Varela (25′ st Montella), Crescenzi, A. Lazzari (15′ st Peralta), Eusepi, Golubovic. A disp.: Giacobbe, Longhi, Birindelli, Del Fabro, Favale, Fautario. All.: Gattuso

SPAL: Branduani, Gasparetto, Cremonesi, Antenucci, Finotto (40′ st Zigoni), Mora, Castagnetti (33′ st Arini), Vicari, Del Grosso, Schiattarella, M. Lazzari. A disp.: Marchegiani, Silvestri, Giani, Grassi, Beghetto, Picchi, Pontisso. All.: Semplici

Arbitro: Pasqua di Tivoli
Assistenti: Bidoni di Venezia e Dei Giudici di Latina
Quarto uomo: Paolini di Ascoli Piceno

Note: ammoniti: Vicari, Mora, Schiattarella, Lazzari

 

La prima vittoria esterna in Serie B coincide col successo della bestia nera dello scorso campionato: il Pisa.

SPAL attenta e questa volta cinica a sfruttare una delle diverse occasioni create con Arini appena entrato in campo che risolve la sfida coi nerazzurri.

Dopo un minuto e mezzo, Antenucci servito al limite ha tutto il tempo per prendere la mira e concludere a giro: pallone deviato in corner dal tuffo di Cardelli.
Prima del decimo, pallone profondo di Mannini per Varela: sponda di testa a liberare Eusepi sotto porta. Stop sulla pressione di Vicari e conclusione davanti a Branduani, ma lo stesso Vicari col piede riesce a deviare la sfera sopra la traversa.
Quarto d’ora con Antenucci che ruba palla involandosi verso la porta, ma due giocatori nerazzurri lo atterrano. Sfera recuperata da Finotto per Schiattarella che serve Lazzari sulla corsia: alcune fine è rientro sul sinistro per il tiro deviato da Avogadri sul primo palo dove Cardelli con un super intervento schiaffeggia in angolo.
A metà tempo, punizione di Mannini indirizzata all’incrocio, ma deviata dalla barriera sopra la traversa.
A cinque dall’intervallo, Di Tacchio prende la mira da 30 metri cercando l’incrocio: la sfera non va lontana dal “7”.
La ripresa vede ancora protagonisti i nerazzurri, ma la miglior occasione arriva dalla SPAL. Mora in profondità per lo scatto di Antenucci: tocco in area piccola a servire Finotto la cui conclusione viene deviata da un difensore in corner.
Alcuni minuti dopo, Antenucci ruba palla e serve sulla corsa Mora: finta su Lisuzzo che scivola e frana addosso al centrocampista biancazzurro. L’arbitro, invece di concedere il rigore, fischia punizione in favore dei nerazzurri.
A sei dal termine, contropiede fulminante della SPAL orchestrato da Antenucci che imbecca dentro l’area di rigore Arini: stop e pallone sotto le gambe di Cardelli e infine in rete.